menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova manifestazione "No mask" non autorizzata a Pescara: denunce e sanzioni comminate dalla questura

Gli agenti della Digos e delle volanti hanno identificato l'organizzatore e una trentina di manifestanti che si sono ritrovati in piazza Salotto verso mezzogiorno

Nuovo tentativo di manifestazione da parte di alcune persone appartenenti ai "No mask" e "No Vax" e contrarie alle limitazioni dovute alla pandemia. Questa mattina verso mezzogiorno alcune persone si sono ritrovate, dopo essersi organizzate sui social, in piazza Salotto. La manifestazione si doveva tenere nel pomeriggio di oggi 27 marzo in piazza Muzii ma il sindaco di Pescara Masci ieri ha firmato l'ordinanza che vieta lo stazionamento anche in quella piazza dalle 15 alle 22 del 27,28 marzo e 3,4,5 aprile per impedire gli assembramenti.

La Digos e gli agenti della volante hanno identificato una trentina di persone che non erano state autorizzate a manifestare come notificato all'organizzatore del presidio ieri pomeriggio. Nonostante questo, i sostenitori si sono ritrovati in piazza per dare vita all'evento. Individuati il promotore e i relatori oltre ad alcuni partecipanti senza mascherina. Due di loro sono stati sanzionati amministrativamente per mancanza di dispositivo di protezione individuale, un altro partecipante è stato denunciato per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità. Gli organizzatori ora saranno denunciati all'autorità giudiziaria per il mancato preavviso all’autorità di pubblica sicurezza.

AGGIORNAMENTO ore 09:39 del 29 marzo 2021: Liberiamo L'Italia Abruzzo ha chiesto di precisare le seguenti circostanze:

1) non eravamo una trentina di persone ma circa la metà;

2) gli organizzatori della manifestazione suddetta sono Liberiamo L'Italia ed R2020 (CPT locali), non NO VAX, NO MASK come oramai stampa e mainstream sono abituati ad etichettare per infangare e denigrare chi difende diritti inviolabili, la Costituzione e chi ha un pensiero alternativo documentato da divulgare pubblicamente e pacificamente;

3) l'intento non era quello di andare contro l'ordinanza del Sindaco manifestando in piazza;

4) tutte le nostre iniziative, come già fatto in passato, sono organizzate in modo serio richiedendo le autorizzazioni alle autorità competenti ove dovuto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento