rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Maltempo, alluvione Pescara 3 dicembre: fiume ancora fuori dagli argini

Il giorno dopo l'esondazione del fiume Pescara, la morte di una 57enne a Fontanelle e gli allagamenti in tutta la città, splende il sole sul capoluogo

AGGIORNAMENTO ORE 18 Il Ministro Quagliariello ha fatto sapere di aver informato il Consiglio dei Ministri della difficile situazione vissuta a Pescara e provincia a causa del maltempo, con ingenti danni e situazioni di difficoltà causate dalle abitazioni sgomberate dopo l'esondazione dei fiumi.

AGGIORNAMENTO ORE 16,47 Mentre in città si contano i danni alle attività commerciali ed alle abitazioni interessate dagli allagamenti e dall'esondazione del fiume Pescara, a Roccamorice, piccolo comune montano del pescarese, la situazione è ancora difficile. Di fatto il paese è isolato in quanto le uniche due strade di collegamento sono bloccate da frane. La Provincia è al lavoro per sgomberare e riaprire il prima possibile la SP64

AGGIORNAMENTO ORE 12,00 Scuole chiuse anche domani, 4 dicembre, a Pescara LEGGI QUI

Torna a splendere il sole su Pescara, dopo la giornata di lutto, paura e devastazione appena passata.

Le previsioni meteo, infatti, sono state rispettate: l'ondata di maltempo è passata ed ora non dovrebbero esserci piogge almeno fino al week end. Resta però alta l'allerta per il fiume Pescara che resta fuori dagli argini, esondato in diversi punti comprese le due golene, completamente sommerse dall'acqua.

Nella notte il livello del fiume è sceso lentamente, ma ora si continuerà a monitorare la situazione anche in vista dello scioglimento della neve in montagna e a monte del corso del fiume.

Il Comune ha continuato a lavorare tutta la notte con il COC e con la Protezione Civile, per far fronte ai disagi dei cittadini rimasti bloccati nelle case, in alcuni casi senza corrente elettrica. Gli interventi hanno riguardato soprattutto le persone malate, disabili o comunque non autosufficienti.

Esondazione alluvione fiume Pescara 2 dicembre

"Oggi faremo la conta dei danni e attueremo i primi provvedimenti per ripristinare la normalità, sperando che il livello del fiume comincia a calare"ha detto il sindaco.

Situazione delicata anche a Montesilvano dove è esondato il Saline, e dove una ventina di persone sono state evacuate con l'arrivo della piena del fiume, considerando che ieri è stata aperta la diga di Penne.

Maltempo Pescara 2 dicembre 2013

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, alluvione Pescara 3 dicembre: fiume ancora fuori dagli argini

IlPescara è in caricamento