rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Farindola

“La situazione è preoccupante”, la mail che il direttore del Rigopiano inviò alla Provincia

L'allarme restò inascoltato. Affondo di Sospiri (Forza Italia): "Non è possibile né accettabile che delle Istituzioni ricevano una comunicazione del genere e facciano orecchie da mercante, lasciando isolato un hotel e abbandonando al loro destino 30 cittadini"

Sulla vicenda interviene il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri: “La mail inviata alle 15.44 del mercoledì 18 gennaio, prima della slavina assassina, al Presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco, al Prefetto di Pescara Provolo, al Comandante della Polizia Provinciale di Pescara e al sindaco di Farindola, in cui il direttore dell’Hotel chiedeva di liberare con tempestività la strada per consentire l’evacuazione della struttura, e lo stesso direttore diceva che gli ospiti erano terrorizzati dalle 4 scosse di terremoto che tutti avevamo sentito e che addirittura gli stessi ospiti avrebbero trascorso la notte in auto se fossero stati costretti a restare sotto la montagna, richiama delle responsabilità chiare. Non è possibile né accettabile che delle Istituzioni ricevano una comunicazione del genere e facciano orecchie da mercante, lasciando isolato un hotel e abbandonando al loro tragico destino 30 cittadini. Né è accettabile che il Presidente della Provincia pensi di cavarsela dicendo che ‘non aveva soldi per aggiustare le turbine rotte’, e quindi non può farci nulla se quei cittadini sono morti. In un paese civile non può funzionare così”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“La situazione è preoccupante”, la mail che il direttore del Rigopiano inviò alla Provincia

IlPescara è in caricamento