rotate-mobile
Cronaca

Litiga con i dipendenti nelle Poste centrali ed estrae coltello contro i poliziotti (uno ferito), arrestato 51enne incensurato

L'uomo è stato arrestato in flagranza di reato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale

Pomeriggio movimentato quello di ieri, giovedì 11 febbraio, all'interno delle Poste centrali in corso Vittorio Emanuele II a Pescara.
Un uomo di 51 anni, a causa di un diverbio con i dipendenti riguardante alcune operazioni effettuate sul proprio conto corrente, ha scatenato un violento litigio.

Lanciato l'allarme sul posto sono intervenute le pattuglie della polizia.

Il 51enne, un pescarese incensurato, quando ha visto l'arrivo degli agenti, ha improvvisamente estratto dalle tasche del proprio giubbotto un coltello da cucina di 20 con lama di 20 centimetri e, solo a seguito di colluttazione, è stato disarmato dai poliziotti della squadra volante, che hanno agito insieme a un collega della polizia postale che era presente nell’ufficio. Quest'ultimo ha subìto dall’uomo un violento calcio giudicato dal pronto soccorso guaribile in 5 giorni. Sottoposto a perquisizione personale il molestatore è stato trovato in possesso di un altro coltello da cucina di 20 centimetri e di un cacciavite smussato e reso affilatissimo.
Per questi motivi l'uomo è stato tratto in arresto in flagranza di reato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’autorità giudiziaria. Per il 51enne è partita anche la denuncia per il porto ingiustificato di armi e oggetti atti ad offendere e sanzionato amministrativamente ai sensi della normativa anti Covid perché non indossava la mascherina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga con i dipendenti nelle Poste centrali ed estrae coltello contro i poliziotti (uno ferito), arrestato 51enne incensurato

IlPescara è in caricamento