Cronaca

Rende la vita impossibile ai vicini di casa con liti e aggressioni, arrestato per stalking

Dopo le querele delle vittime sono stati avviati gli accertamenti, fino all'ordinanza dei domiciliari per atti persecutori, porto abusivo di strumenti atti ad offendere, lesioni volontarie aggravate, tentate lesione aggravate, danneggiamento e minacce

Atti persecutori, porto abusivo di strumenti atti ad offendere, lesioni volontarie aggravate, tentate lesione aggravate, danneggiamento e minacce: sono i reati di cui e' accusato un pescarese di 43 anni, arrestato dalla Polizia. L'uomo, finito ai domiciliari, si e' reso protagonista, quasi per un anno, di continue liti con i vicini di casa, con tanto di minacce di morte e aggressioni fisiche.

Per diversi mesi, infatti, il 43enne, residente in via Aldo Moro, se la sarebbe presa con il vicino di casa, con sua moglie e con i figli. Liti ed episodi continui, che sono andati avanti almeno da luglio del 2016 a marzo scorso. In un caso ha ferito i figli del vicino con dei bulloni e ha lanciato oggetti dal balcone, tra cui la marmitta di uno scooter, danneggiando la loro automobile.

In un altro li ha minacciati di morte brandendo il coltello. In piu' occasioni ha colpito i vicini di casa con una pistola a gas, ferendoli. Dopo le querele delle vittime sono stati avviati gli accertamenti, fino all'ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal gip del tribunale di Pescara Gianluca Sarandrea.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rende la vita impossibile ai vicini di casa con liti e aggressioni, arrestato per stalking

IlPescara è in caricamento