Litiga con un altro migrante al centro d'accoglienza di Vestea e si cuce la bocca con ago e filo per protesta

L'episodio è avvenuto ieri in un centro d'accoglienza. Il tunisino è stato poi trasportato in ospedale a Pescara

Momenti di tensione ieri al centro d'accoglienza di Vestea, frazione di Civitella Casanova, dove un migrante tunisino dopo una lite con un'altra persona si è cucito la bocca con ago e filo per protesta. L'uomo ha avuto un diverbio con un altro ospite del centro, di nazionalità pakistana e per questioni personali. Quando ha perso il controllo per protesta ha compiuto il gesto autolesionistico.

Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Penne che si sono occupati degli accertamenti. L'uomo è stato portato in ospedale a Pescara dove i sanitari gli hanno rimosso la cucitura e lo hanno sottoposto a visita psichiatrica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Pesca illegale lungo il fiume Pescara di cefali, anguille e capitoni: controlli e sanzioni della guardia civile ambientale [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

Torna su
IlPescara è in caricamento