menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lista Teodoro contraria alla pista ciclabile Pescara-Sambuceto

I consiglieri Pignoli e Teodoro di Scegli Pescara pronti alla battaglia contro la realizzazione del tracciato nei terreni di due aziende di strada Fosso Cavone, la Soget e la Vamar

Sono pronti a dare battaglia e alla lotta in consiglio comunale pur di bloccare il passaggio della pista ciclabile Pescara-San Giovanni Teatino nei terreni di due aziende di strada Fosso Cavone, la Soget e la Vamar, che sarebbero costrette alla chiusura con la conseguente perdita di circa 50 posti di lavoro.

Questa la posizione dei consiglieri comunali di Scegli Pescara-Lista Teodoro, Massimiliano Pignoli e Piernicola Teodoro, che formulano 3 quesiti fondamentali per comprendere la reale utilità della pista ciclabile: chi passerà su quel tracciato? Per quale motivo dobbiamo realizzarla, ovvero quale sarebbe l'utilità? E i 130 posti auto che si perderebbero in via Aldo Moro in che modo sarebbero recuperati?

«È una questione molto seria», dicono Teodoro e Pignoli, «noi non dobbiamo fare piaceri al Comune di San Giovanni Teatino. Questa pista è nata male e, se continua così, finirà anche peggio. Qual è l'utilità della pista ciclabile in quella zona? Bisogna riprendere la variante del primo progetto e far passare il tracciato sull'ex corridoio verde. Ci saranno le barricate sulla questione se non si risolve. Una pista costruita in quel modo, non collegata a nulla, non servirà a niente».

Teodoro, presidente della commissione Lavori Pubblici, segnala anche, dopo il sopralluogo della sua commissione e quella Viabilità e Grandi Infrastrutture, una difformità nel progetto: in via Aldo Moro non ci sarebbero i 3,50 metri minimi previsti dal codice della strada per il passaggio degli autobus, ma 2,90 metri dopo la realizzazione della pista e non bastano.

«Qual è il progetto dell'amministrazione comunale», chiede Teodoro, «per recuperare i 130 posti auto che si perderebbero in via Aldo Moro? Quelli relativi alla pista ciclabile sono problemi del Comune di San Giovanni Teatino e del suo sindaco, non nostri. Non sono d'accordo nell'andare a deturpare quella zona».

Inoltre Pignoli aggiunge: «Ma qualcuno ha studiato quale sarebbe l'utenza potenziale di quella pista ciclabile? In quanti la utilizzerebbero? O prima si fa e poi avremo una cattedrale nel deserto? Siamo pronti alle barricate con i residenti di via Aldo Moro e delle altre aree interessate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento