menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Galilei conquista la medaglia d’argento alle Olimpiadi della Matematica

A Cesenatico Giuseppe Di Fabio ha sfiorato la medaglia d'oro per soli due punti. Un trionfo individuale che tuttavia ha coronato gli sforzi di un gruppo di giovani molto brillanti

Dapprima hanno sbaragliato i conterranei con le armi dell’intuito e della razionalità. Poi hanno conquistato la semifinale, accaparrandosi un posto nell’Olimpo dei matematici con altre 28 scuole. E non riuscendo nell’ardua impresa di conquistare una medaglia nella competizione a squadre, se la sono presa in quella individuale. Merito di Giuseppe Di Fabio, che ha sfiorato la medaglia d’oro per soli due punti.

Un trionfo individuale che tuttavia ha coronato gli sforzi di un gruppo di giovani matematici brillanti, che nelle semifinali e poi finali delle Olimpiadi di matematica che si sono svolte a Cesenatico  hanno dato lustro alla solida preparazione scientifica che il Liceo Galileo Galilei dà agli alunni.

Il team, composto da Giorgio Travaglini, Davide Vecchi, Francesco Tarantelli (finalista anche nelle Olimpiadi di Fisica), Simone D’Agostino, Daniele Dente, Stefano Martone e Giuseppe Di Fabio, è sceso in campo provvisto solo di capacità matematiche, ma determinato a risolvere con un procedimento rigorosamente scientifico e nel minor tempo possibile sei problemi.

Conquistato il pass per la finale, i sette Archimede di Pescara si sono cimentati con ben sedici problemi, una combinazione di algebra, geometria e aritmetica . Non sono riusciti nella conquista del podio. Ma la delusione è stata ingurgitata ben presto dai risultati individuali.

Infatti l’impresa l’ha centrata Giuseppe Di Fabio che a soli 16 anni, dopo aver riportato un bronzo lo scorso anno, ha sbaragliato anche gli avversari anagraficamente più grandi e ha iscritto a lettere d’argento il suo nome e quello della scuola nell’Albo d’onore della competizione. 

“Non posso fare a meno di esprimere tutta la mia soddisfazione – commenta il dirigente scolastico del Liceo Galilei, prof. Carlo Cappello – Il risultato di Di Fabio non solo galvanizza il genio matematico di un ragazzo di appena sedici anni, ma consegna alla scuola un importante riconoscimento per il lavoro svolto. Si tratta di un traguardo che mette i docenti di fronte a una nuova sfida: coltivare con più accuratezza possibile la fertile mente di un giovane matematico affinché la scintilla della passione continui sempre ad ardere in lui. Anche la squadra ha ottenuto un buon risultato, se si considera che è arrivata alle finali, scrivendo il nome del Liceo Galilei  tra le prime ventisei sulle 300 partecipanti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

  • Cura della persona

    Soap brows: come ottenere le sopracciglia “insaponate”

  • Salute

    Cos’è la stanchezza primaverile e come combatterla

Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento