menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alberghiero, CasaPound chiede il trasferimento alla ‘Stella Maris’

Il movimento, per bocca del responsabile provinciale Mirko Iacomelli, propone di trasferire l'istituto scolastico De Cecco presso l’ex colonia estiva di Montesilvano

Risolvere il problema dell’Alberghiero ‘De Cecco’, trovando nel contempo una soluzione allo stato di abbandono in cui versa l’ex colonia marina Stella Maris, rimasta inutilizzata dal 1984. Queste le ragioni alla base della proposta, avanzata dal movimento CasaPound Italia, di trasferire l’istituto superiore Alberghiero, ora situato in un edificio fatiscente, nell’edificio storico, gioiello architettonico degli anni ‘30.

“Esattamente come quattro anni fa – dichiara il responsabile provinciale di CasaPound, Mirko Iacomelli – torniamo a chiedere che l’ex colonia marina ‘Stella Maris’ diventi la casa dell’Istituto Alberghiero di Pescara. Riproporremo il nostro progetto, all’epoca vagliato e applaudito da Guerino Testa, all’attuale presidente Antonio di Marco, sperando che lo stato di degrado nel quale vertono le due strutture spinga gli organi provinciali verso questa soluzione”.

Il progetto di Casapound mira alla completa autonomia della struttura, tramite la gestione da parte degli stessi alunni di un bar-ristorante aperto al pubblico e l’istituzione un convitto le cui stanze liberate nei mesi estivi funzionerebbero come ostello della gioventù, calcolando il ritorno economico prodotto in un sistema di auto-finanziamento.

"Ricordiamo inoltre - aggiunge Iacomelli - che, in assenza del numero utile di aule nella struttura, è presente alle spalle della Stella Maris l’ex Hotel ‘Germania’, di proprietà della ASL di Pescara. Ribadiamo che il nostro progetto mira a valorizzare strutture del demanio rimaste per anni inutilizzate, ma che pur sempre possono avere un’utilità , sia di carattere economico che logistico, evitando così la creazione di altri esosi scempi architettonici e strappando a malaffare, incuria e abbandono quelle già esistenti. Gli stessi studenti dell’Alberghiero, sia alla presenza del Sindaco Alessandrini che in corteo per il centro di Pescara, hanno ribadito la loro assoluta contrarietà al progetto di spostamento a Cepagatti e hanno accolto con favore la nostra proposta, portata avanti anche dal nostro movimento giovanile, il Blocco Studentesco”.

“Comunque si decida – conclude il responsabile pescarese CPI – ci auguriamo che la Stella Maris non venga ristrutturata senza prevedere una vera e propria destinazione d’uso oppure affidandosi ad altri progetti visionari, come quello sponsorizzato dal sindaco Maragno per istituire una sede distaccata dell’Accademia delle Belle Arti di Roma, poiché questo non significherebbe altro se non consegnarla nuovamente al degrado”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse in Abruzzo, chi entra e chi esce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento