rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca Centro Storico / Via dei Bastioni

Invalido per un pugno alla tempia, chiede 1 milione di risarcimento

Un 25enne è rimasto invalido al 46% dopo essere stato aggredito, in via dei Bastioni, da un coetaneo che non conosceva. Succedeva un anno fa. Ora vuole 1 milione dal suo aggressore

Si chiama Antonio Rotundi, ha 25 anni e circa un anno fa, in una notte di fine aprile, è stato aggredito improvvisamente, per motivi ignoti, da un coetaneo che non conosceva. L'episodio si è verificato in via dei Bastioni, a Pescara Vecchia, e il giovane, a causa di un pugno alla tempia, ha riportato un deficit all'occhio destro nonché ricorrenti mal di testa.

Ma Antonio, soprattutto, ha perso il suo lavoro di pizzaiolo perchè, date le proprie precarie condizioni di salute, è stato costretto a licenziarsi. Tra una settimana si terrà la prima udienza del processo nei confronti dell'aggressore, che è stato denunciato per lesioni gravissime, e Rotundi gli ha chiesto 1 milione di euro a titolo di risarcimento danni.

Il ragazzo, inoltre, ha lanciato un appello al sindaco Marco Alessandrini per provare a ottenere un nuovo lavoro che possa essere in grado di svolgere nonostante sia oggi invalido al 46%.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Invalido per un pugno alla tempia, chiede 1 milione di risarcimento

IlPescara è in caricamento