Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Pescosansonesco

Interrogati gli indagati per l'inchiesta sull'appalto Asl da 11 milioni di euro

Davanti ai giudici sono comparsi due dei tre arrestati nell'operazione della guardia di finanza, a seguito del suicidio in carcere di Sabatino Trotta

Sono stati interrogati dai giudici due dei tre arrestati nell'ambito dell'operazione della guardia di finanza di Pescara riguardanti una presunta corruzione per un appalto della Asl di Pescara da 11 milioni di euro. Si tratta di Domenico Mattucci, legale rappresentante della coop sociale "La rondine", di Lanciano e di Luigia Dolce, coordinatrice della stessa cooperativa. Il terzo arrestato, il direttore del dipartimento di salute mentale della Asl di Pescara Sabatino Trotta, che si è tolto la vita in carcere poche ore dopo l'arresto.

Mattucci, difeso dall'avvocato Giuliano Milia, si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre la Dolce, assistita dagli avvocati Augusto La Morgia e Matteo Cavallucci, ha spiegato che la sua è una posizione marginale, non incisiva nella vicenda e comunque non ne avrebbe ricavato alcun tornaconto personale. Il suo legale ha presentato istanza di sostituzione della misura di carcerazione con una più lieve.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interrogati gli indagati per l'inchiesta sull'appalto Asl da 11 milioni di euro

IlPescara è in caricamento