rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Incidenti stradali

Ciclista morto in galleria, la dinamica è ancora tutta da chiarire

L'automobilista che l'ha soccorso per primo, infatti, avrebbe dichiarato di non averlo investito ma di essersi fermato per prestargli aiuto dopo averlo visto a terra

È ancora tutta da chiarire la dinamica dell'incidente stradale in cui ha perso la vita Pawel Talaga, il ciclista polacco di 51 anni morto domenica pomeriggio durante la Ultracycling Rai 775, la gara di 775 chilometri con partenza e arrivo a Silvi Marina. L'automobilista che l'ha soccorso per primo, infatti, avrebbe dichiarato di non averlo investito ma di essersi fermato per prestargli aiuto dopo averlo visto a terra, all'interno della galleria della Portella sulla statale 17. Lo riporta l'Ansa Abruzzo.

Inoltre nel sinistro non ci sarebbero altri ciclisti coinvolti. Ad escluderlo sarebbe stato lo stesso ciclista arrivato per primo sul luogo dell'incidente, che agli agenti della polizia stradale, intervenuti sul posto, avrebbe riferito di essersi fermato dopo aver visto un automobilista intento a soccorrere il ciclista polacco. Insomma, non ancora è chiaro se il randonneur sia prima caduto per poi essere investito da un mezzo, o se la caduta sia stata favorita da un pirata della strada che, dopo averlo tamponato, è fuggito via senza fermarsi.

Subito dopo l'incidente, riferisce ancora l'Ansa, sia la bicicletta sia il corpo del ciclista sono stati posti sotto sequestro e messi a disposizione della procura della Repubblica di Sulmona e, in particolare, del sostituto procuratore Edoardo Mariotti, che domani, 27 aprile, dovrà decidere se disporre o meno l'autopsia sul cadavere dell'uomo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclista morto in galleria, la dinamica è ancora tutta da chiarire

IlPescara è in caricamento