Cronaca Montesilvano

Inchiesta Ecoemme Montesilvano: chiesto il rinvio a giudizio per Cordoma e Sospiri

Il Pm del Tribunale di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio per gli indagati nell'ambito dell'inchiesta riguardante la gestione dei rifiuti a Montesilvano. Fra loro l'ex sindaco Cordoma e il consigliere Sospiri

Nell'ambito dell'inchiesta riguardante la gestione dei rifiuti a Montesilvano, in particolare dell'Ecoemme, il Pm del tribunale di Pescara ha chiesto il rinvio a giudizio per gli indagati. Sono nove in tutto, fra loro l'ex sindaco Cordoma e il consigliere regionale e comunale Sospiri.

Gli altri imputati sono Ettore Paolo Di Zio, ex consigliere del cda di Eoemme, l'imprenditore Ettore Ferdinando Di Zio, il sindaco di Farindola (Pescara) Antonello De Vico, il presidente di Ambiente spa Massimo Sfamurri, Fabio Savini, ex vicepresidente del cda dell'Ecoemme, Paolo Cucculelli, tecnico della Comunità Vestina, Giordano De Luca, ex consigliere del cda Ecoemme.

L'accusa è di corruzione, mentre per Ferdinando Di Zio anche di truffa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Ecoemme Montesilvano: chiesto il rinvio a giudizio per Cordoma e Sospiri

IlPescara è in caricamento