Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Inchiesta Asl Pescara, tornano in libertà i due arrestati

Lo ha stabilito il giudice per le indagini preliminari Nicola Colantonio, che ha accolto l’istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare presentata dai legali

Tornano in libertà l’ex presidente della Cooperativa “La Rondine” e la dipendente, con funzioni di coordinatrice, che erano agli arresti domiciliari dal mese scorso nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Pescara su un presunto appalto pilotato riguardante l’affidamento della gestione di residenze psichiatriche extra ospedaliere, del valore complessivo di oltre 11 milioni di euro.

Lo ha stabilito il giudice per le indagini preliminari Nicola Colantonio, che ha accolto l’istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare presentata dai legali. Nel provvedimento di revoca relativo alla dipendente, il gip evidenzia che sono venute meno le esigenze cautelari che “avevano legittimato l’applicazione della misura cautelare”.

Nello specifico, Colantonio ritiene che sia “decorso un apprezzabile lasso temporale di applicazione di misure cautelari custodiali, periodo nel quale” l’indagata “ha potuto riflettere sul disvalore delle proprie azioni”. Il gip inoltre sottolinea che “l’indagata rendeva piena confessione: circostanza che, considerato l’intervenuto completamento delle attività di indagine, determina il venir meno del pericolo di inquinamento probatorio”. È stato infine “verificato che il contratto di appalto illecitamente sottoscritto in conseguenza delle attività illecite dei prevenuti veniva annullato dalla Asl”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Asl Pescara, tornano in libertà i due arrestati

IlPescara è in caricamento