rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Incendi, aggressioni agli agenti e un detenuto che si inchioda lo scroto ad uno sgabello: carcere di Pescara in piena emergenza

Numerosi gli episodi, anche gravi, avvenuti negli ultimi giorni nel carcere di San Donato

Un vero e proprio bollettino di guerra quello degli ultimi giorni e delle ultime settimane per il carcere di San Donato di Pescara, dove sono stati segnalati dal sindacato Uspp diversi episodi gravi sia di violenza nei confronti degli agenti penitenziari costretti a lavorare in condizioni critiche soprattutto per la mancanza di personale, sia gesti di autolesionismo messi in atto da alcuni carcerati per protesta.

Prima delle feste natalizie, due detenuti dopo aver creato caos in un reparto hanno generato una rissa contro gli altri detenuti ed il giorno dopo hanno appiccato un incendio nella loro cella bruciando il materasso. Il personale è intervenuto prontamente  sia per cercare di domare le fiamme che per riportare la situazione alla normalità riuscendo a salvare i due algerini, mentre tre agenti sono stati soccorsi nell'infermeria ed un altro agente è finito in ospedale a causa delle lesioni riportate con successivo intervento chirurgico.

CARCERE NEL CAOS, INSORGE IL SINDACATO USPP

Qualche giorno fa invece un agente di servizio al piano è stato aggredito da un detenuto italiano che lo ha colpito con il piede di un tavolo appena divelto. Fortunatamente il poliziotto è riuscito a schivare l'oggetto lanciato. Sempre un detenuto italiano, invece, per protesta ha compiuto un grave gesto di autolesionismo, inchiodandosi lo scroto su uno sgabello in legno con un chiodo di ferro. Sul posto è intervenuto il 118 che lo ha soccorso. Un tunisino, invece, dopo essere stato separato dagli altri detenuti per motivi disciplinari ha distrutto una finestra ingoiando pezzi di vetro e ferro. Trasportato d'urgenza in ospedale, è stato ricoverato fino alla mattina successiva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi, aggressioni agli agenti e un detenuto che si inchioda lo scroto ad uno sgabello: carcere di Pescara in piena emergenza

IlPescara è in caricamento