menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Calice di Toyo Ito rischia di sbriciolarsi

Alcuni giorni fa è stato compiuto un sopralluogo in Piazza Salotto per verificare le condizioni dello Huge Wine Glass di Ito, a cui ha partecipato anche il sindaco. Sembra che le crepe siano aumentate, ma il perito ha stabilito che il calice non può essere rimosso

Il Calice Huge Wine Glass è gravemente malato. Anzi, secondo il sindaco Albore Mascia , che ha compiuto un sopralluogo in Piazza Salotto nei giorni scorsi, sarebbe vicino al crollo.

Sono infatti aumentate le crepe che dal febbraio scorso hanno devastato l'opera del famoso architetto giapponese Ito, un danno che suscitò notevoli polemiche in città soprattutto per il costo elevato dell'opera, oltre un milione di euro.

Ma il perito nominato dal Tribunale di Pescara a seguito dell'inchiesta sulle responsabilità del danno al Calice di Toyo Ito, avverte: l'opera non può essere rimossa almeno fino a novembre.

In autunno, infatti, si dovrebbe concludere la perizia dell'architetto Lucarelli che sta cercando di individuare le cause che hanno portato alla rottura del Calice in vetro, oltre a chiarire alcune divergenze fra l'azienda costruttrice e l'amministrazione comunale. Proprio il Comune decise di citare in giudizio la Clax per chiarirne le responsabilità.

Lo stesso Lucarelli ha incontrato il sindaco Mascia, che fin dal mese di febbraio dichiarò di voler rimuovere l'opera al più presto per far posto ad una scultura di Cascella. Durante l'incontro, è emerso che il perito ha tre mesi di tempo per presentare i risultati delle analisi. Considerando anche i 45 giorni di fermo giudiziario estivo, i tempi si allungano notevolmente, arrivando appunto fino al mese di novembre.

Fino ad allora, il Calice resterà in Piazza Salotto, sperando che non si sbricioli prima.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento