Il parcheggio di piazza I maggio teatro dell'illegalità

Riceviamo a pubblichiamo la lettera aperta di una lettrice al sindaco Mascia. Il parcheggio di piazza I maggio nei mesi estivi si trasforma in un vero e proprio teatro dell'illegalità in mano a pochi, e sempre gli stessi, abusivi che dettano le loro regole ai residenti della zona

Egregio Sindaco Mascia, la presente lettera nasce dalla frustrazione e dall’indignazione di una cittadina residente a Pescara in Via Regina Elena 28 (ang. Piazza I Maggio), proprio sotto il parcheggio di piazza I Maggio antistante la recente Chiesa di S. Pietro Apostolo.

Parcheggio che nella stagione estiva si è trasformato in un vero e proprio teatro dell’illegalità sotto gli occhi di tutti, residenti e, ahimè, malcapitati passanti che si recano a parcheggiare qui per fare una passeggiata nel cuore pulsante della riviera e della città.

Qui ogni giorno, nelle pause di apertura del parcheggio a pagamento, e ogni sera, il parcheggio si trasforma in una giungla di macchine parcheggiate in ogni dove e aggiungerei in ogni come: il tutto abilmente orchestrato da una manciata di noti parcheggiatori abusivi che dominano l’area di parcheggio dettando le loro regole e condizioni senza possibilità di replica da parte di noi residenti dell’area che spesso troviamo macchine appositamente parcheggiate di fronte ai nostri garage, assistiamo a continue scene di litigio tra delinquenti con tanto di bottiglie spaccate o manganelli di ferro.

Inutile ricordare che il parcheggio è una continuo punto di passaggio di famiglie, anziani, bambini, attività commerciali e residenti costretti a convivere in questa situazione di disagio, di pericolo e aggiungerei di “mafiosa accondiscendenza”.

Carabinieri, vigili, polizia vengono ripetutamente interpellati senza ormai più chiedere spiegazione dell’accaduto: sanno già cosa vuol dire il parcheggio di Piazza I Maggio. Ma la cosa frustrante è che nessuno può fare nulla. »Serve la flagranza di reato« ripetevano i poliziotti ieri sera ad un signore che denunciava loro con vigore e coraggio questo stato di cose. Dinanzi, in tutta tranquillità, il parcheggiatore. E con lui la legge, che a detta delle autorità competenti, sembrava stare in quel momento (ed in tutti i momenti fino a quel momento) dalla sua parte.

Se questo è stato, se questa è giustizia, se questo è il cuore degno della sua città.

La ringrazio infinitamente per la Sua attenzione
Arianna Andreoli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • A "L'ingrediente perfetto" su La7 Roberta Capua prepara gli arrosticini in padella con burro e salvia [FOTO - VIDEO]

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

Torna su
IlPescara è in caricamento