rotate-mobile
Cronaca Centro / Piazza della Rinascita

Calice Toyo Ito: il Comune lo coprirà con la "Regata in movimento"

Sofia Solitro ha realizzato una struttura a forma di vela, in legno e acciaio, che circonderà l'opera di Toyo Ito in attesa di concretizzare il suo trasferimento a Pomezia

Dopo i pannelli pubblicitari che per qualche tempo hanno circondato il Calice di Toyo Ito reclamizzando opere pubbliche che l'amministrazione comunale aveva intenzione di realizzare, la giunta Mascia ci riprova e mette in piazza un nuovo stratagemma che avrà come prima cosa l'obiettivo di coprire, se non addirittura nascondere, il tanto contestato Huge Wineglass.

L'annuncio è stato dato dall'assessore al Verde, Gianni Santilli, che ha parlato di “una struttura a forma di vela, in legno e acciaio, con tutte le tonalità del blu" che circonderà il Calice "nell’attesa di concretizzare il suo trasferimento a Pomezia". Il sindaco Mascia, infatti, nei giorni scorsi ha detto di no sia al Museo di Nocciano che al Mumi di Francavilla, entrambi interessati all'installazione dell'architetto giapponese, perchè la Clax dovrà riprendersi la struttura in questione, sempre più degradata e dunque bisognosa quantomeno di un intervento di restauro.

Ma chi si occuperà di realizzare la "vela di contenimento" dello sfortunato bicchiere? Sarà l’artista Sofia Solitro, proveniente dall’Accademia di Belle Arti di Bologna e reduce da una mostra a Parigi, autrice di "una grande vela che richiamerà l’idea del mare e della navigazione realizzata a costo zero per l’amministrazione comunale e finanziata da tre sponsor privati", ha garantito Santilli.

Le operazioni di allestimento e montaggio cominceranno domani e si completeranno a metà maggio. La struttura sarà in acciaio; i pannelli di legno, che daranno l’idea delle vele, saranno di forma triangolare, posizionate in modo tale da ricreare un movimento ondulatorio. Il legno prescelto è quello utilizzato per le imbarcazioni, l’Ecumé multistrato marino.

“E’ positiva la reazione generale del territorio all’iniziativa – ha dichiarato Sofia Solitro – e la voglia di partecipazione manifestata da una cordata di imprenditori che mi hanno voluto aiutare nell’impresa, nel proporre qualcosa di nuovo, ossia la Edimac, la Orsini Ferramenta e la Sciarra Costruzioni. L’idea che proporremo sarà quella della Regata in movimento, dunque un’opera che vuole raccontare la città che muta, che cresce, che ha tutte le potenzialità, sotto tutti i punti di vista, per offrire opportunità, posta in una posizione strategica in una regione centrale del Paese, che garantisce le possibilità di collegamenti. Dunque realizzeremo un’opera in movimento, che si proietta verso il futuro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calice Toyo Ito: il Comune lo coprirà con la "Regata in movimento"

IlPescara è in caricamento