rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Confida ad un parente di volersi suicidare: giovane salvato dalla polizia

Il ragazzo, 27 anni, ha gravi problemi di depressione, immediata la segnalazione e l'intervento della volante: aveva già il cappio intorno al collo

Lo hanno trovato con una cinta di cuoio intorno al collo. Pochi minuti e la storia da raccontare sarebbe stata un'altra. È successo qualche giorno fa a Pescara, come confermano fonti della Questura: un tunisino di 27 anni, con gravi problemi depressivi e che aveva smesso di assumere i farmaci, voleva farla finita, ma grazie ad un parente, che sapeva delle sue difficoltà e a cui, pochi minuti prima, aveva confidato al telefono la propria volontà suicida, la storia ha avuto un epilogo diverso.

L'uomo, preoccupato, ha infatti chiamato subito il 113. Così gli agenti della volante, coordinati dal dirigente Paolo Robustelli, sono arrivati immediatamente sul posto. La porta era chiusa e nessuno rispondeva. L'hanno quindi aperta con una scheda universale, trovando l'uomo nell'intento di togliersi la vita. Sul posto è intervenuto anche il 118 che ha portato il giovane in ospedale, dove è stato ricoverato nel reparto di psichiatria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confida ad un parente di volersi suicidare: giovane salvato dalla polizia

IlPescara è in caricamento