Cronaca

Picchia furiosamente i genitori e la sorella, fermato dall'intervento dei carabinieri: minorenne arrestato

Solo l'intervento dei militari dell'Arma ha placato l'ira del ragazzo di 16 anni che aveva anche danneggiato l'auto della madre e un furgone

Un ragazzo di soli 16 anni è stato tratto in arresto dai carabinieri la scorsa notte nella zona dei Colli a Pescara.
L'accusa per la quale dovrà rispondere è quella di maltrattamenti contro familiari, danneggiamento e minaccia.

L'intervento dei carabinieri è stato richiesto da genitori e sorella del ragazzo che sono stati vittima dell'ira.

Il giovane, ha avuto un ennesimo furibondo litigio con i suoi genitori che ha aggredita e malmenato, in primis la madre. Quest'ultima, dopo essersi vista sottrarre la propria borsa, ha cercato di riprenderla, ma nonostante l'intervento del padre e della sorella, hannoa avuto tutti la peggio, a causa dell'ira violenta del ragazzo. Sono riusciti però a chiedere l'intervento dei carabinieri, L'equipaggio intervenuto ha bloccato per strada il giovane furibondo che aveva appena danneggiato la macchina della madre e un furgone parcheggiato. Il minore, immobilizzato e posto nelle condizioni di non nuocere, è stato accompagnato in caserma. Ma anche lì ha iniziato a inveire contro i militari.

Come fanno sapere dal Comando provinciale dell'Arma «si tratta di una situazione di disagio familiare  che annovera una genesi molto più profonda rispetto all'acme di questa notte». I familiari per fortuna hanno riportato lievi lesioni. Su disposizione del pubblico ministero di turno della procura per i minorenni, il giovane è stato rinchiuso nel centro di prima accoglienza dell'Aquila.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia furiosamente i genitori e la sorella, fermato dall'intervento dei carabinieri: minorenne arrestato

IlPescara è in caricamento