Furti per oltre 100 mila euro e ricettazione: sgominata banda criminale

La banda, composta da sette italiani, ha messo a segno furti in ditte della Val Pescara ed anche in una discoteca dell'Aquila

Sono in totale sette le persone di nazionalità italiana tratte in arresto dai carabinieri con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti, commessi in imprese e cantieri della Valpescara, e ricettazione nell'ambito dell'operazione Multipla. A eseguire gli arresti (tre in carcere, una agli arresti domiciliari, due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria e un obbligo di dimora) sono stati i militari dell'Arma della Compagnia di Popoli, il Nor di Popoli coadiuvati dai colleghi delle Compagnie di Pescara,  Montesilvano, Gioia del Colle e i Nuclei Cinofili di Chieti ed Ecologico di Pescara.

Le indagini, dirette dal sostituto procuratore della Repubblica, Andrea Papalia, sono partite a maggio dello scorso anno quando un uomo che conduceva un veicolo, una Fiat Multipla, carico di rame di provenienza illecita venne controllato. Dalle successive indagini è stato appurato come il soggetto facesse parte di un sodalizio criminale stabilmente impegnato nella commissione di furti (10 in totale quelli accertati) di rame e materiale ferrosonelle province di Pescara e L'Aquila che poi veniva portato in un capannone di Montesilvano. Gli accertamenti hanno anche consentito di definire il ruolo di ognuno dei 7 componenti, delle province di Pescara, Bari e Napoli, e di individuare il centro di ricettazione e smistamento della refurtiva in una ditta di stoccaggio di materiali ferrosi a Montesilvano.

I malviventi facevano la spola tra le aziende derubate e la base logistica (la casa di uno dei sette) e da questa al sito di stoccaggio con automobili prese a noleggio. Tra cantieri e ditte edili prese di mira più volte dai ladri di rame e materiale ferroso c'erano la Edilcema di Popoli il 23 maggio 2018, l'Euredil 2000 srl di Tocco da Casauria vittima di 6 furti, la Prima srl di Popoli e la discoteca Bliss dell'Aquila dalla quale sono stati rubati ingenti quantitativi di superalcolici e attrezzature per illuminazioni.

Gli arrestati in carcere e ai domiciliari e destinatari di perquisizione sono Marco De Marchi, 59 anni di Popoli, Guglielmo Covitti, 66 anni di Popoli, Giuseppe D'Alfonso, 56 anni di Popoli e Francesco Marzano, 28 anni di Putignano. I tre indagati sono V.G.L. 24 anni, G.F., 47 anni e D.F., 46 anni questi ultimi due fungevano da ricettatori. Le basi logistiche erano due: una a Popoli ed una a Torre de' Passeri.

Il totale della refurtiva dei vari colpi messi a segno ha un valore complessivo superiore a 100mila euro. Nel corso dell'operazione è stato recuperato un veicolo in uso all'associazione oltre a un quintale di rame asportato da una delle ditte depredate. È stata inoltre sottoposta a sequestro preventivo la ditta individuata in via Egitto a Montesilvano quale punto di ricettazione della refurtiva che verrà chiusa temporaneamente.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere morto suicida in ufficio, ecco chi era la vittima

  • Lite tra famiglie per il pranzo all'Ikea, ferita bambina di 11 anni: tra i contendenti un pescarese

  • Incidente mortale autostrada A14, tratto chiuso verso Pescara

  • Carabiniere morto suicida in ufficio, c'è sgomento tra i colleghi del Noe [FOTO-VIDEO]

  • Morto Aldo Lavorato, storico titolare della pizzeria "Regina" di via Mazzini

  • Trovato morto Antonio Capuozzo, ex portiere del Pescara Calcio a 5

Torna su
IlPescara è in caricamento