Cronaca

Foibe: una messa per ricordare, Mascia: "Non esistono martiri di serie B"

Ieri il sindaco Mascia ha partecipato, assieme alle istituzioni locali e agli esponenti politici cittadini, alla solenne messa e cerimonia per il ricordo del massacro delle Foibe

Anche il sindaco Mascia ha partecipato ieri alla santa messa celebrata nella chiesa del Santo Spirito in occasione del Giorno del Ricordo, l'appuntamento per ricordare la tragedia delle Foibe, costata la vita a tantissimi italiani.

Alla funzione erano presenti le massime autorità cittadine e gli esponenti politici locali. Dopo la funzione religiosa, celebrata da Don Giorgio Campili, c'è stata la deposizione di una corona in Piazza Martiri Giuliano Dalmati presso la Rotonda Rampigna.

Presente anche un esule delle Foibe.

Il sindaco ha sottolineato come per troppo tempo questa tragedia sia stata dimenticata, polemizzando con quanti ritengono che il massacro delle Foibe sia ricordato solo da una parte politica del nostro Paese: "Non esistono martiri di serie A e di serie B .E’ un dovere per le Istituzioni ricordare le vittime di tutte le follie e i genocidi che hanno sconvolto l’umanità, come la Shoah o le Foibe, attribuendo a ciascuno di tali eventi eguale dignità perché gli italiani che sono stati vittime di quelle tragedie non hanno colore politico, ma sono solo donne, uomini, che hanno subito una barbarie."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Foibe: una messa per ricordare, Mascia: "Non esistono martiri di serie B"

IlPescara è in caricamento