Finti carabinieri a Moscufo per accertamenti su possibili contagi da coronavirus

L'allarme è stato lanciato dal sindaco del paese, Claudio De Collibus, che sul suo profilo Facebook ha affermato: “Non è competenza dell’Arma effettuare questi controlli, dunque non aprite a nessuno!”

Il sindaco di Moscufo, Claudio De Collibus

Finti carabinieri a Moscufo per fare fantomatici accertamenti su possibili contagi da Covid 19 (coronavirus). L'allarme è stato lanciato dal sindaco del paese, Claudio De Collibus, che sul suo profilo Facebook ha affermato quanto segue:

“Dopo aver avuto un colloquio telefonico con il comandante della nostra caserma dei carabinieri, si porta a conoscenza che girano falsi carabinieri che chiedono di entrare per effettuare dei controlli sul coronavirus. Non è competenza dell’Arma effettuare questi controlli: non aprite a nessuno! Condividete tutti, grazie”.

Dunque a Moscufo si aggirano finti carabinieri che suonano alle porte delle abitazioni private chiedendo di entrare in casa. Ma non bisogna aprire loro per nessuna ragione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Oddo dopo l'esonero dal Pescara cita Pirandello

  • Diego Armando Maradona e l'Abruzzo, ecco la foto con lo chef Quintino Marcella

Torna su
IlPescara è in caricamento