Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Filovia Strada Parco: un confronto sulle possibili alternative

Venerdì c'è stato l'atteso confronto tra i comitati, le associazioni e le Comissioni provinciali Ambiente e Trasporti in merito alle possibile alternative alla Filovia sulla Strada Parco

E' finita sul tavolo delle Commissioni Ambiente e Trasporti della provincia la questione della filovia. Venerdi' 5 Novembre infatti si sono confrontate varie associazioni di protesta contro la filovia e sono state valutate le proposte di alternativa al progetto insieme ai comitati e ai consiglieri provinciali presenti.

Un'aperta discussione che ha valutato su un tavolo tecnico i pro e i contro del progetto della filovia. Un incontro auspicato gia' da prima che cominciassero i lavori della filovia in Strada Parco. I comitati di protesta contro la filovia hanno fatto proposte alternative, non solo al progetto della Filovia, ma anche alla difficile situazione di traffico urbano che caratterizza la citta' di Pescara.

Principalmente e' stato esposto il problema del tracciato della filovia che percorre la stessa tratta di due autobus, il 2/ dal lato del lungomare e il 38 lungo la S.S.16.

Un mezzo pubblico aggiuntivo e superfluo dunque, quello della filovia, secondo i comitati. Ma anche poco salutare per gli abitanti della zona che sarebbero esposti al problema dell'elettrosmog. I comitati hanno proposto di ridurre gli spazi dedicati al parcheggio dei privati e di eliminare sensi unici, di modo da favorire e ricavare lo spazio dove posizionare soluzioni di trasporto pubblico maggiormente ecologiche e rispettose dell'ambiente.

Il Consigliere Antonella Allegrino ha considerato la proposta dell'Associazione Strada Parco che ipotizza il trasferimento di alcune direttrici su altri tracciati, rispettando maggiormente la funzione della Strada Parco, ovvero quella di pista ciclabile.

A questi problemi si aggiunge anche la questione delle spese di manutenzione della filovia, considerando che il Governo pare abbia per ora bloccato i fondi FAS (fondi destinati allo sviluppo delle aree sottosviluppate del Mezzogiorno).  La Regione potrebbe avere circa 60 milioni in meno di introiti all'anno fino al 2013 e' quindi ci potrebbero essere delle difficoltà nell'erogazione dei fondi a favore della Filovia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filovia Strada Parco: un confronto sulle possibili alternative

IlPescara è in caricamento