Filovia, nel secondo lotto potrebbe esserci anche una sopraelevata

Il Consigliere Comunale Foschi e il Presidente della Gtm Russo hanno discusso questa mattina il progetto del secondo lotto della Filovia, che dovrebbe attraversare l'intera città fino alla Pineta D'Avalos. Una sopraelevata che si biforcherà in due direzioni, raggiungendo la Pineta D'Avalos e la Tiburtina

Dopo l'annuncio da parte dell'assessore Fiorilli riguardante l'avvio dei lavori per la Filovia entro la fine di novembre, oggi c'è stato l'incontro, durante la seduta della Commissione Grandi Infrastrutture, fra il Presidente della Gtm Russo ed in consigliere comunale Pdl Foschi.

L'incontro è servito per discutere il progetto riguardante il secondo lotto della Filovia, nel tratto che dovrebbe portare il nuovo mezzo di trasporto all'interno del cuore di Pescara, fino alla Pineta D'Avalos.

L'ipotesi valutata è quella di realizzare una sopraelevata che, nella zona di via Misticoni, potrà biforcarsi in due direzioni distinte, raggiungendo la Tiburtina da un lato e la Pineta dall'altro.

"In sostanza la filovia, una volta lasciata la strada parco, dovrebbe essere dirottata sulle aree di risulta dell’ex stazione ferroviaria e, qui potremmo ipotizzare la sopraelevazione della filovia sino al livello dello stesso binario ferroviario.
In questo modo le auto potrebbero continuare a transitare regolarmente attraverso i sottopassi, in via De Gasperi e in via D’Annunzio, senza la necessità di tagliare le corsie di marcia e senza dover installare semafori specifici per il transito.

Come ipotizzato stamane, la filovia dovrebbe proseguire la propria corsa in sopraelevazione accanto alla ferrovia sino all’area De Cecco, dove dovrebbe tornare a terra con una biforcazione: un ramo, dall’area De Cecco, proseguirà il proprio cammino lalle spalle della Caserma dei Vigili del Fuoco sino ad arrivare in via della Bonifica, nei pressi della Pineta D'Avalos. Il secondo ramo proseguirà invece lungo la via Tiburtina, in direzione ovest" dichiara Foschi.

Il Presidente della Gtm Russo, invece, ha confermato che i costi di manutenzione e gestione saranno a carico del Comune di Pescara, mentre ha criticato l'ipotesi voluta da alcuni cittadini riguardo il blocco dei lavori per il primo lotto per disegnare un percorso alternativo, in quanto un contezioso potrebbe gravare pesantemente sulle casse della Regione con conseguenze negative per tutti i cittadini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • A "L'ingrediente perfetto" su La7 Roberta Capua prepara gli arrosticini in padella con burro e salvia [FOTO - VIDEO]

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

Torna su
IlPescara è in caricamento