rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Fermo biologico 2013: Castiglione, "Liquideremo le spettanze"

Il sottosegretario alla Pesca ha assicurato ai rappresentanti della marineria che ci sono le condizioni per liquidare tutte le spettanze per il fermo biologico 2013

Nel corso di un incontro tenutosi ieri in prefettura, a Pescara, il sottosegretario alla Pesca Giuseppe Castiglione ha assicurato ai rappresentanti della marineria che ci sono le condizioni per liquidare tutte le spettanze per il fermo biologico 2013 e che e' prossima la liquidazione anche della cassa integrazione in deroga per il 2014. Castiglione ha raccolto le doglianze e il grido di dolore della marineria, sfinita da burocrazia e ritardi e stufa delle "chiacchiere", come ha detto Mimmo Grosso in rappresentanza degli armatori.

All'incontro, presieduto dal prefetto Vincenzo D'Antuono e organizzato dal presidente della Provincia Guerino Testa, hanno partecipato anche il presidente della Regione Luciano D'Alfonso e molte autorita' locali, dal sindaco Alessandrini al presidente della Camera di commercio Becci, al comandante della Capitaneria di Porto Pozzolano.

Castiglione si e' soffermato anche sui due milioni e mezzo di euro inseriti da dicembre 2012 nel Decreto sviluppo e ha spiegato che la procedura e' stata sbloccata a livello europeo per cui queste somme possono essere utilizzate come sgravi fiscali e contributivi a far data da aprile 2014. Ha anche fatto chiarezza sul fermo biologico per l'anno in corso. Sono stati prorogati i vecchi piani, le regole sono le stesse dell'anno scorso per cui il fermo biologico prendera' il via l'11 agosto anche in Abruzzo.

La marineria aveva chiesto di accorciare il periodo di fermo ipotizzando che i fondi attesi non sarebbero arrivati, ma su questo Castiglione è stato molto chiaro e rassicurante, garantendo che le somme sono prossime all'accreditamento. Castiglione ha ipotizzato agevolazioni per la marineria da far scattare dopo il fermo.

LA PROMESSA DI D'ALFONSO - Nella prima seduta utile di Giunta regionale (presumibilmente quella di martedi' prossimo) verra' approvata una delibera che sbloccherà i 2 milioni e 500mila euro che la Regione ha destinato agli armatori della marineria pescarese per il fermo forzato, dal 2012 al 2013, a causa del mancato dragaggio del porto canale. Lo ha assicurato D'Alfonso. Sara' la FIRA a supportare la Regione dopo il via libera a questa misura di sostegno da parte dell'Unione europea. Il presidente della Giunta regionale ha anche anticipato che, in relazione alla tematica infrastrutturale, giovedi' 31 a Pescara, presso il polo fieristico della Camera di Commercio, ci sara' un vertice con il vice ministro alle Infrastrutture, Riccardo Nencini, nel corso del quale si affronteranno i temi della manutenzione del porto canale, del Prg portuale e del ruolo dell'Autorita' portuale nell'ottica di future alleanze con altre realta' portuali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermo biologico 2013: Castiglione, "Liquideremo le spettanze"

IlPescara è in caricamento