rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Cronaca Farindola

Si fingono dipendenti delle Poste per raggirare e derubare una coppia di anziani a Farindola: arrestati

I carabinieri della compagnia di Penne hanno arrestato in flagranza di reato due uomini, di 33 e 69 anni, residenti in provincia di Pescara

Si sarebbero spacciati per dipendenti delle poste tentando di raggirare e derubare una coppia di anziani a Farindola, ma sono stati arrestati. In manette sono finiti due uomini di 33 e 69 anni arrestati dai carabinieri della compagnia di Penne. Mentre il 69enne è rimasto in auto, il giovane si sarebbe qualificato come dipendente di poste italiane tentando di entrare all’interno della casa abitata da una coppia di anziani con il pretesto della sostituzione del libretto postale scaduto, scusa questa che spesso riesce a convincere le vittime a far entrare all’interno delle loro case queste persone che, senza scrupoli, rubano tutto quello che trovano a portata di mano. La moglie 80enne però ha capito che si trattava di un raggiro dopo le insistenti richieste sui nomi del marito e dei figli e non ha fatto entrare il giovane che poi è risalito in auto per allontanarsi.

Appena chiusa la porta, la donna ha chiamato i carabinieri segnalando il fatto e fornendo una precisa e minuziosa descrizione dei fatti e delle persone che, poco prima, avevano tentato di accedere all’interno della propria casa. Scattavano quindi le ricerche di questa auto che, dopo pochissimo tempo, veniva rintracciata da una pattuglia della stazione di Civitella Casanova, che ha fermato l'auto sospetta con targhe contraffatte dove si trovavano anche attrezzi per forzare serrature.

Le indagini, grazie alle precise indicazioni fornite dalla signora, hanno portato all'arresto per tentato furto in abitazione, possesso ingiustificato di grimaldelli e falsità materiale. Gli arrestati, assolte le formalità di rito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza della compagnia di Penne, in attesa della convalida dell'arresto prevista per lunedì 5 giugno.

Nei mesi scorsi con lo scopo di prevenire questi reati, che ingenerano nelle vittime un forte senso di frustrazione, sono stati organizzati dai carabinieri degli incontri con gli anziani con lo scopo di riuscire a fornire fondamentali consigli pratici che aiutino a evitare di rimanere vittime di truffe o di essere coinvolti in situazioni potenzialmente pericolose:

"La diffidenza davanti a casi del genere, le segnalazioni tempestive e la presenza costante sul territorio delle pattuglie sono il viatico concreto per assicurare alla giustizia gli autori di questi sgradevoli reati, che sfruttano la buona fede dei poveri anziani delle nostre comunità che, purtroppo sovente, cadono nella loro trappola. Oggi, però, raccontiamo un’altra storia."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fingono dipendenti delle Poste per raggirare e derubare una coppia di anziani a Farindola: arrestati

IlPescara è in caricamento