menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'amministratore con falso nome e le tasse non pagate per 350.000 euro, tre uomini del Pescarese finiscono in manette

All'alba di oggi la guardia di finanza ha eseguito quattro misure cautelari. Oltre ai tre residenti nella nostra provincia è stato arrestato anche un uomo che vive nell'Aquilano

Fallimento di una società, tre persone del Pescarese finiscono in manette. All'alba di oggi la guardia di finanza ha eseguito quattro misure cautelari. Oltre ai tre residenti nella nostra provincia è stato arrestato anche un uomo che vive nell'Aquilano.

La ditta in questione, operante nel settore del commercio all’ingrosso, importazione ed esportazione di prodotti in plastica, aveva sede legale a Milano e sede operativa a Silvi, ma di fatto era gestita da soggetti pescaresi.

Come spiegano le fiamme gialle in una nota, ai quattro indagati, "amministratori formali e di fatto della società fallita", sono stati contestati, tra gli altri, i reati di falso, sostituzione di persona, bancarotta fraudolenta e documentale per aver distratto denaro e altri beni per oltre 300.000 euro, oltre quelli di natura fiscale, connessi alla mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi per 350.000 euro e agli omessi versamenti di imposte. 

La gdf ha accertato la vera identità di colui che, sotto falso nome, risultava essere l'amministratore della società. Si tratta di una persona con precedenti specifici che, utilizzando generalità fittizie, aveva stipulato contratti di fornitura di merce, atti notarili e contratti di noleggio di automobili oltre ad aver attivato rapporti bancari e numerose schede telefoniche.

Fondamentali sono state le segnalazioni di operazioni finanziarie sospette, ma anche la ricostruzione dei flussi finanziari e le connesse indagini bancarie e patrimoniali, nonché le acquisizioni di documentazione contabile e amministrativa.

I quattro arrestati, su disposizione del Gip di Milano Valerio Natale, sono stati posti ai domiciliari nelle rispettive abitazioni, in attesa degli interrogatori di garanzia che si terranno nei prossimi giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento