menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evasione fiscale per almeno 2,8 milioni di euro nel settore dei tartufi: scoperte tre società "fantasma" nel Pescarese

A condurre le indagini la guardia di finanza di Pescara. Le società evadevano totalmente il fisco non dichiarando i redditi derivanti dal commercio dei tartufi

Importante operazione della guardia di finanza di Pescara che ha scoperto tre società che operano nel settore del commercio dei tartufi, che di fatto evadevano totalmente il fisco. Si tratta di tre srl di Montesilvano e Spoltore che vendevano i tarfufi verso il centro e nord Italia.

Dopo un'analisi delle banche dati disponibili sul conto dei tre soggetti sono emerse numerose anomalie con dichiarazioni dei redditi incompatibili con le entrate reali e per alcune annualità risultavano evasori totali. Da qui è scattato l’alert che ha portato all’avvio di tre distinte verifiche fiscali. Grazie ai riscontri effettuati in modo capillare sulle quotazioni dei tartufi e con gli atti e documenti acquisiti durante l'accertamento, è stata stimata un'evasione di circa 2,8 milioni di euro con iva dovuta per circa 600 mila euro.

Accertata violazioni penali tributarie per due delle tre per infedele dichiarazioni, e per questo i rappresentanti legali sono stati denunciati. Queste attività, ricorda la guardia di finanza, hanno l'obiettivo di recuperare risorse dovute allo Stato e illegittimamente sottratte, oltre a preservare il mercato legale e sano che viene altresì alterato dalla concorrenza sleale messa in atto da questo genere di società che propongono prezzi più bassi grazie agli illeciti tributari perpetrati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento