Cronaca

Cinque escursionisti bloccati a 2.400 metri sul Corno Piccolo, interviene il Soccorso Alpino

L'allarme è scattato nella serata di ieri, lunedì 16 agosto, quando gli escursionisti che erano sul Gran Sasso si sono accorti di non poter più proseguire

Intervento del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese sul Gran Sasso per 5 escursionisti, partiti da Prati di Tivo, rimasti bloccati sul Corno Piccolo a 2.400 metri di altitudine verso le ore 20:30 poco prima di raggiungere la vetta.
I 5, di età compresa tra i 27 e i 42 anni, hanno così lanciato l'allarme, dopo essersi resi conto che non sarebbero riusciti a salire in quota.

Il 118 ha attivato il protocollo dei soccorsi in montagna, interpellando il Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese.

I soccorritori si sono subito messi in contatto telefonico con i cinque escursionisti, che fortunatamente stanno bene. Le squadre di terra del Soccorso Alpino e Speleologico si sono organizzate per il recupero. Contemporaneamente è stato allertato l’aereo dell’aeronautica militare, che potrebbe decollare da Pratica di Mare, ma le forti raffiche di vento rendono quasi impossibile al velivolo di avvicinarsi alla vetta. Ma intanto i cinque stanno bene e sono in contatto telefonico con i soccorritori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque escursionisti bloccati a 2.400 metri sul Corno Piccolo, interviene il Soccorso Alpino

IlPescara è in caricamento