rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca

Si infortuna a 2.500 metri sulla Maiella: complessa operazione di salvataggio per il soccorso alpino

La donna si è fatta male in zona fontanile di Sella di Acquaviva, ma è stato impossibile recuperarla in elicottero. A raggiungerla a piedi sono state le squadre del soccorso alpino e speleologico e della guardia di finanza che, a piedi e in barella, l'hanno portata fino a valle: un intervento durato cinque ore

Nonostante le difficoltà dovute alle fitte nuvole basse che hanno reso impossibile la discesa dall'elicottero, una escursionista infortunatasi in zona fontanile di Sella di Acquaviva a circa 2mila 500 metri sulla Maiella, è stata recuperata e portata in salvo dal Soccorso alpino e speleologico abruzzese e quello della guardia di finanza. A riportare la notizia è l'agenzia Adnkronos.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Arrivato l'alert al numero unico di emergenza 112 la centrale operativa 118 Chieti-Pescara ha subito inviato sul posto l’elisoccorso di stanza a Pescara che però non ha potuto procedere con l'operazione di recupero a causa delle nuvole troppo basse e particolarmente fitte. Nel contempo però la sala operativa aveva chiesto anche l'attivazione delle squadre del soccorso alpino per raggiungere la donna via terra. Una volta arrivati sul posto, i sanitari hanno stabilizzato la paziente, l'hanno caricata sulla barella e l'hanno portata a valle a piedi.

Un intervento di recupero durato, dalla partenza fino al ritorno, cinque ore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si infortuna a 2.500 metri sulla Maiella: complessa operazione di salvataggio per il soccorso alpino

IlPescara è in caricamento