menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza parcheggiatori abusivi nell'area di risulta, protesta Pescara Mi Piace

Pescara Mi Piace interviene in merito alla questione dei parcheggiatori abusivi nell'area di risulta che, specie di notte e nei giorni festivi, assalgono gli automobilisti arrivando anche a minacciarli

Una vera e propria "terra di nessuno", dove decine di parcheggiatori abusivi, spesso organizzati in piccoli gruppi sparsi, chiedono con prepotenza ed a volte anche con minacce di ricevere qualche spiccio dagli automobilisti in sosta.

E' quanto denuncia Pescara Mi Piace che, con l'ex vicesindaco Fiorilli, ha annunciato di voler sottoporre la questione al prefetto Provolo per riportare l'area di risulta in condizioni di sicurezza durante le ore notturne e nei giorni festivi, quando non sono presenti gli operatori di Pescara Parcheggi.

"Molti cittadini hanno riferito di aver già ampiamente segnalato la problematica, inviando mail al sindaco Alessandrini, assessore alla Polizia municipale, chiedendo un potenziamento necessario delle misure di pattugliamento e controllo dei parcheggi. Ma quelle segnalazioni sono rimaste lettera morta, anzi il problema si va aggravando giorno dopo giorno. Ma è responsabilità delle Istituzioni locali, oggi completamente assenti, arginare il fenomeno illegale, predisponendo i controlli e la sorveglianza adeguati, un fenomeno che il centro- destra aveva debellato semplicemente aprendo al traffico la corsia di marcia sul lato monte delle aree di risulta, zona costantemente trafficata, dov’era dunque divenuto difficile delinquere passando inosservati. Chiusa quella strada, le aree di risulta sono tornate a essere un deserto abbandonato dalla giunta Alessandrini." dichiara Pescara Mi Piace, che chiede un presidio fisso dei vigili urbani nella zona durante la notte e nei giorni di festa, con un sistema di videosorveglianza da attivare in modo capillare in tutta la zona.

"Quei parcheggiatori abusivi vanno evidentemente identificati, fermati e allontanati per una prioritaria questione di sicurezza” ha concluso Fiorilli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La torta della tradizione: come preparare la pizza doce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento