menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Duplice omicidio a Pescara in via Tibullo: arrestato il presunto assassino

Si tratta di un ucraino di 25 anni. Si era nascosto nell'androne di un palazzo in via Petruzzi

E' durata solo qualche minuto la fuga del presunto assassino del duplice omicidio avvenuto a Pescara nel pomeriggio di oggi in via Tibullo.

Si tratta di un 25enne di nazionalità ucraina, Maxym Chernysh, pregiudicato già noto per reati di estorsione, furto e droga. Il 25enne è stato trovato con una mano ferita ed ancora sporco di sangue nascosto nei locali della caldaia di un palazzo di via Petruzzi, a poche centinaia di metri dal luogo del delitto.

Dopo il raptus omicida, l'uomo avrebbe avuto la freddezza di tentare di occultare le armi del delitto, ovvero una mazza da baseball ed un coltello trovati poi nella borsa abbandonata in strada vicino al palazzo in via Tibullo, per poi cercare rifugio sentendosi braccato dalle Forze dell'Ordine giunte sul posto che hanno subito isolato la zona ed iniziato una vera e propria caccia all'uomo.

Una volta arrestato, l'ucraino avrebbe confessato il delitto e chiarito una parte della dinamica dei fatti. A quanto pare, a causa di un debito o comunque di un problema legato alla droga, si è recato nell'appartamento del polacco 23enne e qui è nata una lite violentissima finita con una colluttazione e con l'accoltellamento fatale. In quel momento sarebbe rientrata la madre della vittima, che è stata aggredita ed uccisa dallo stesso ucraino poi fuggito.

Attualmente l'uomo si trova in ospedale piantonato dalle Forze dell'Ordine. Domani sarà eseguita l'autopsia sui corpi delle vittime dal medico legale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento