Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Droga a Pescara tramite la 'ndrangheta, due degli arrestati non rispondono al gip

Ma durante l'interrogatorio un 43enne del capoluogo adriatico ha parlato e si è detto estraneo all'associazione per delinquere di stampo mafioso che viene contestata a tutti gli indagati. Il suo legale ha presentato istanza di rimessione in libertà o di arresti domiciliari

Si sono avvalse della facolta' di non rispondere due delle quattro persone sottoposte all'interrogatorio di garanzia davanti al gip del Tribunale di Chieti, Luca De Ninis, e arrestate insieme ad altre 15 persone lo scorso 21 febbraio dai carabinieri di Chieti al termine di un'inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia de L'Aquila.

Un 43enne di Pescara si e' detto estraneo all'associazione per delinquere di stampo mafioso che viene contestata a tutti gli indagati. L'uomo, che e' assistito dall'avv. Goffredo Tatozzi, ha giustificato la conoscenza con il presunto boss di questa organizzazione sostenendo di aver lavorato con per lui, come piastrellista, nella realizzazione di un villaggio turistico a Brancaleone, producendo della documentazione a sostegno della sua linea difensiva, fra cui un computo metrico del villaggio.

Il 43enne ha anche detto di non conoscere molti degli altri indagati. L'avv. Tatozzi ha presentato, per l'uomo, istanza di rimessione in liberta' o di arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga a Pescara tramite la 'ndrangheta, due degli arrestati non rispondono al gip

IlPescara è in caricamento