Cronaca

Dragaggio Porto Pescara, i pescatori passeggiano nel fiume

E' di ieri la singolare protesta della marineria di Pescara, messa in atto da Francesco Scordella, che ha fatto una passeggiata al centro del fiume, dimostrando il livello basso dei fondali. Mascia: "Siamo al lavoro"

Continua a tenere banco la vicenda del dragaggio del Porto di Pescara, con le istituzioni locali impegnate a cercare di venire a capo dei cavilli burocratici, e la marineria che, sempre più esasperata, si affida a forme di protesta di ogni genere per attirare l'attenzione e denunciare la grave situazione dell'intero settore.

Ieri, infatti, Francesco Scordella, rappresentante della marineria, ha voluto dimostrare come i fondali nel porto siano ormai ridotti al minimo, facendo una vera e propria passeggiata a piedi al centro del fiume, con l'acqua che non ha mai superato l'addome del pescatore.

Intanto, sempre ieri, si è tenuto un altro incontro in Prefettura, al quale ha partecipato anche il sindaco Mascia che, dopo aver appreso della protesta, ha sottolineato come sia comprensibile l'esasperazione dei pescatori, aggiungendo però che le istituzioni, fra cui il Comune,sono impegnate costantemente per risolvere la questione.

Il sindaco ha aggiunto che entro il 13 maggio la società che si è occupata delle caratterizzazioni del materiale presente sui fondali consegnerà i risultati dei campionamenti, che poi verranno immediatamente trasmessi all'Arta ed alla Regione per il rilascio delle autorizzazioni per il dragaggio di altri 10 mila metri cubi di sabbia, grazie al finanziamento regionale di circa 2 milioni di euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dragaggio Porto Pescara, i pescatori passeggiano nel fiume

IlPescara è in caricamento