Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Dragaggio Pescara, l'Arta si difende: "Dati esatti, pesticidi nella norma"

Attorno ai dati riguardanti la presenza di pesticidi nei fanghi del porto di Pescara si è acceso un forte dibattito. Oggi è stato il turno dell'Arta, che ha difeso i risultati delle proprie analisi. "Pesticidi nella norma"

Attorno ai dati riguardanti la presenza di pesticidi nei fanghi del porto di Pescara si è acceso un forte dibattito.

Stamane l'Arta ha voluto difendere il proprio operato e la propria credibilità, con una conferenza convocata dal Direttore Amicone, assieme al Direttore Tecnico Luciana Di Croce e ai i Direttori dei Distretti di Chieti, L’Aquila e Pescara, nell’ordine Edda Ruzzi, Virginia Lena e Angela Del Vecchio, e ai Dirigenti di Chieti e Pescara, Giovanna Mancinelli ed Emanuela Scamosci.

Amicone ha confermato che non c'è stato alcun errore per quanto riguarda i livelli di pesticidi presenti sui 54 campioni prelevati nella zona della darsena, dati elaborati in base al piano di campionamento predisposto dall'ISPRA.

"La ricerca del DDT ha fornito per tutti i campioni esaminati risultati inferiori al limite di rilevabilità della metodica, pari a 0,1 microgrammi/chilo" conferma l'Arta che con il Direttore Tecnico ha fatto sapere che i monitoraggi compiuti negli ultimi anni nel fiume Pescara e in mare sui sedimenti marini, non hanno mai evidenziato concentrazioni di pesticidi al di sopra della norma.

Di sicuro ora il dragaggio resta congelato e la marineria sta protestando per chiedere di risolvere questa situazione paradossale, per evitare il tracollo di un settore già fortemente penalizzato dalla mancata pulizia dei fondali.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dragaggio Pescara, l'Arta si difende: "Dati esatti, pesticidi nella norma"

IlPescara è in caricamento