rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Dragaggio, accolta la costituzione di parte civile della marineria

Armatori e pescatori di Pescara si sono costituiti oggi parte civile nell'udienza preliminare che riguarda il dragaggio del porto, bloccato negli anni scorsi e poi effettuato di recente

Armatori e pescatori di Pescara, per un totale di oltre cento persone, si sono costituiti oggi parte civile nell'udienza preliminare dinanzi il gup del Tribunale dell'Aquila, Giuseppe Romano Gargarella, che riguarda il dragaggio del porto di Pescara, bloccato negli anni scorsi e poi effettuato di recente.

Con la richiesta di costituzione di parte civile, che e' stata ammessa, gli operatori dei pescherecci chiedono il risarcimento del danno sofferto a seguito dello stop al dragaggio. Nell'ambito di questa inchiesta sono 33 le persone indagate. Il giudice ha inoltre accolto una eccezione di competenza territoriale per alcuni reati (tra i quali quello di turbativa d'asta) per cui una parte del procedimento e' stata rimessa a Pescara.

Sara' dunque il giudice naturale, stabilito oggi, quello di Pescara che potrebbe procedere alla citazione diretta oppure fissare una nuova udienza preliminare. E' stata inoltre accolta la richiesta di incidente probatorio per esperire una consulenza tecnica sull'individuazione del numero identificativo dei fanghi.

La costituzione di parte civile e' avvenuta anche da parte del comune di Collecorvino, comune nel quale sarebbero stati conferiti in discarica i fanghi illecitamente smaltiti. Armatori e pescatori sono rappresentati dall'avvocato Carmine Ciofani.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dragaggio, accolta la costituzione di parte civile della marineria

IlPescara è in caricamento