Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Doping, pescaresi assolti dalla Cassazione: "Non è reato usarlo per aumentare i muscoli"

Non compie reato chi utilizza sostanze dopanti per gonfiare i propri muscoli al di fuori di gare e competizioni agonistiche, anche se le sostanze possono causare pericoli per la salute. Lo ha stabilito la Cassazione

Per la Cassazione, utilizzare sostanze dopanti per migliorare il proprio fisico e i propri muscoli non è un reato, se questa pratica non influisce o comunque viene eseguita al di fuori di gare e manifestazioni agonistiche.

La sentenza riguarda tre pescaresi amanti del body building, che acquistavano sostanze tramite i circuiti illegali.

Una sentenza che va in disaccordo con la Legge, che invece punisce sia i venditori che i semplici consumatori. Per la Cassazione però "l'unico fine perseguito consistente nella volontà di modificare il proprio aspetto fisico, anche a costo di assumere sostanze tossiche, palesemente dannose per la salute ed il loro benessere psico-fisico non può essere considerato reato, in quanto non vi sarebbero riflessi di alcun genere sulla collettività".

La Corte D'Appello de L'Aquila, invece, la pensava diversamente. I tre sono stati assolti con formula piena. Si tratta di F. B.(33 anni), S. M.(26) e V. M.(43).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doping, pescaresi assolti dalla Cassazione: "Non è reato usarlo per aumentare i muscoli"

IlPescara è in caricamento