Donna bloccata nel sottopasso allagato con il figlio di 7 mesi, salvati dai sommozzatori della Finanza

La donna alla guida dell'automobile, lungo le strade che si allagavano sempre di più, ha provato a percorrere il sottopasso ma il veicolo è rimasto bloccato

Hanno rischiato davvero grosso mercoledì scorso una donna e suo figlio di soli 7 mesi che si sono ritrovati nel sottopasso allagato di via Tirino a Pescara nel corso del nubifragio che si è abbattuto sulla città.
La donna alla guida dell'automobile, lungo le strade che si allagavano sempre di più, ha provato a percorrere il sottopasso ma il veicolo è rimasto bloccato.

Nel giro di pochi minuti l'abitacolo ha iniziato a riempirsi di acqua con il bambino che era legato sul seggiolone sui sedili posteriori.

La pressione dell'acqua non ha consentito alla donna di aprire porte e finestrini che sono rimasti bloccati. Ma la fortuna ha voluto che a poca distanza ci fossero i sommozzatori della Guardia di Finanza che stavano eseguendo un altro intervento. I finanzieri sono così subito accorsi riuscendo a far uscire sia la donna che il bimbo dai finestrini. 

La donna e il marito ringraziano le forze dell'ordine che «ci sono sempre vicine».

donna salvata sottopasso allagato via tirino guardia di finanza (2)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

Torna su
IlPescara è in caricamento