menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Don Massimiliano lascia Fontanelle ma i parrocchiani non vogliono: è polemica

Il sacerdote attenua i toni sull'avvicendamento spiegandone il senso e il valore: "Lo spostamento è sempre un momento positivo nel cammino di una comunità parrocchiale e nella vita di un parroco. Accettare un trasferimento è accogliere l'invito ad un cambiamento che sempre arricchisce"

Un addio condito da proteste e polemiche dei parocchiani, sicuramente dettate dal grande affetto che si è venuto a creare nei suoi confronti. E' ciò che sta vivendo don Massimiliano De Luca, parroco di Fontanelle che entrerà come sacerdote agli Angeli Custodi di Pescara domenica prossima, 2 ottobre, alle ore 9, in occasione della festa patronale della comunità.

Giovedì 29 settembre, invece, a Fontanelle la parrocchia di San Pietro accoglierà come nuovo parroco, nella celebrazione delle 20.30, don Michele Mosca.

È lo stesso don Max ad attenuare i toni di polemica sull’avvicendamento spiegandone il senso e il valore: “Lo spostamento - afferma con decisione don Massimiliano - è sempre un momento positivo nel cammino di una comunità parrocchiale e nella vita di un parroco. Accettare un trasferimento è accogliere l’invito ad un cambiamento che sempre arricchisce perché chiede responsabilità al sacerdote e ai fedeli insieme alla necessità di superare quelle umane difficoltà legate alle novità che ogni avvicendamento porta con sé”.

Don Massimiliano e Fontanelle sono stati, senza dubbio un binomio inscindibile, ed è comprensibile la difficoltà di uno spostamento sia per il parroco che per la comunità che con lo stesso ha percorso un cammino. “Non è facile partire e lasciar andare – spiega lo stesso don Max - soprattutto quando si è cercato di creare legami umani. Posso dire che a Fontanelle mi sono fatto portavoce del territorio, che ho vissuto pienamente il quartiere nella conoscenza delle persone, delle risorse, delle difficoltà, che con la gente ho lottato soprattutto nell’integrazione tra la Fontanelle del ‘500 e la Fontanelle “nuova”, ma ho anche insegnato ai miei parrocchiani a combattere le ingiustizie e sono certo che ora sono pronti ad affrontare ogni difficoltà da soli e con il nuovo parroco”.

E' di fatto entrato nel vivo l’avvicendamento dei parroci nell’arcidiocesi di Pescara-Penne. Dopo l’ingresso di don Luigi Marrone a Bisenti, di don Domenico di Pietropaolo a Villa Raspa di Spoltore, di don Tonino Di Tommaso come nuovo rettore del santuario della Divina Misericordia nella chiesa del Sacratissimo Cuore di Gesù, di don Marco Spadaccini, questa mattina, a Villa San Giovanni, la settimana che segue sarà ricca di celebrazioni per il “possesso canonico” delle parrocchie.

Martedì 27 settembre raggiungerà Spoltore monsignor Gino Cilli. Dopo undici anni di lavoro nella formazione dei futuri sacerdoti, don Gino abbraccerà la comunità di San Panfilo, nella celebrazione delle 18.30, con «sentimenti di trepidazione e di entusiasmo» – scrive l’ex rettore del seminario regionale alla comunità – ma certo che insieme ai suoi fedeli «potrà perseguire il bene più prezioso, la comunione ecclesiale, che richiede senso di Dio e amore alla Chiesa, spirito di fraternità e disposizione alla correzione reciproca, umiltà e discrezione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pescarese semina il caos a "La Zanzara" di Radio 24: "Non farò il vaccino e sono pronto a difendere la mia libertà anche con le armi"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento