rotate-mobile
Cronaca Cepagatti

Promettono falsi rimborsi Inps spacciandosi per operatori di Poste e si fanno versare 1.330 euro, 3 denunciati di Cepagatti e Popoli

A scoprire i presunti truffatori sono stati i carabinieri di Fossacesia dopo la denuncia di due vittime

Dovranno rispondere del reato di truffa in concorso due donne di 31 e 44 anni e un uomo di 44 anni residenti in provincia di Pescara che avrebbero truffato due persone di Fossacesia e Rocca San Giovanni.
Come riferisce ChietiToday, i tre si sarebbero spacciati per dipendenti di Poste Italiane e con la scusa di accredito immediato di falsi rimborsi Inps avrebbero raggirato due persone facendosi versare su carta Postepay complessivamente 1.330 euro.

Ma i carabinieri della Stazione di Fossacesia, dopo un’accurata attività d’indagine derivante dalle denunce di due persone, un uomo e una donna residenti a Fossacesia e Rocca San Giovanni, sono riusciti a risalire all’identità dei presunti “truffatori” di Poste Italiane.

Questi, in concorso tra loro, mediante artifici e raggiri, e qualificandosi come dipendenti di uffici di Poste Italiane della zona, avrebbero contattato telefonicamente le due vittime e le avrebbero convinte a recarsi all’Atm di Mozzagrogna, promettendogli di ricevere istantaneamente sul conto personale dei “falsi” rimborsi erogati dall’Inps. Le due vittime, dopo essere state ingannate, sarebbero state indotte a effettuare molteplici ricariche su due rispettive carte postepay, utilizzate dai tre “finti” dipendenti, per una somma totale di 1.330 euro. Su disposizione della Procura della Repubblica di Lanciano, i carabinieri di Fossacesia, supportati dai carabinieri di Popoli e Cepagatti, hanno eseguito le perquisizioni nelle abitazioni degli indagati: si tratta di, due donne, di cui una di 31 anni e l’altra di 44 anni, e di uomo di 44 anni, tutti già noti alle forze dell'ordine e residenti nel Pescarese. Ora, dovranno rispondere del reato di truffa in concorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promettono falsi rimborsi Inps spacciandosi per operatori di Poste e si fanno versare 1.330 euro, 3 denunciati di Cepagatti e Popoli

IlPescara è in caricamento