Cronaca

Studenti in piazza, la città si prepara al caos

E' il giorno della protesta in strada degli studenti e docenti pescaresi. Quattro cortei attraverseranno e paralizzeranno la città a partire dalle 13. E poi flash mob alla Madonnina

E' il giorno della protesta in strada per gli studenti pescaresi.

Oggi, 5 novembre, quattro cortei attraverseranno la città per unirsi a Piazza della Madonnina, per un flash mob di gruppo contro i tagli del Governo al settore scolatico e l'aumento delle ore per i docenti senza nessun aumento in busta paga.

L'assessore Fiorilli ha illustrato i dettagli della manifestazione, avvisando la cittadinanza ed invitando tutti a spostarsi il meno possibile con l'automobile a causa degli evidenti ed inevitabili disagi che ci saranno sulle principali strade cittadine a partire dalle 13 e almeno fino alle 16.

"Quattro, complessivamente, i cortei che domani partiranno in contemporanea a Pescara, da quattro direzioni diverse, per poi convogliare migliaia di persone, tra studenti, professori e famiglie stesse, in piazza della Madonnina, sulla riviera nord." ha detto Fiorilli indicano poi i percorsi dei quattro cortei.

PRIMO CORTEO: Istituto ‘Tito Acerbo’, con gli studenti della zona collinare, in via Pizzoferrato, e attraverserà via Ferrari, via Teramo, corso Vittorio Emanuele, via Palermo, via Balilla, lungomare Matteotti e Piazza della Madonnina.

SECONDO CORTEO: liceo Artistico, lungo  viale Riviera nord e lungomare Matteotti (sul marciapiede)

TERZO CORTEO: Porta Nuova, con il Marconi, il terzo liceo scientifico, il Manthonè, che partiranno dalla via Tiburtina, per attraversare via Marconi, via Vespucci, e arrivare al Porto Turistico

QUARTO CORTEO: Liceo Classico, da via Venezia, via Foscolo, lungomare Matteotti, mentre una delegazione si unirà al corteo dell’Acerbo in via Balilla.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti in piazza, la città si prepara al caos

IlPescara è in caricamento