Cronaca Caramanico terme

Tragedia di Caramanico: Silvia e Giuseppe morti per un selfie?

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la donna avrebbe voluto scattare un selfie particolarmente suggestivo nei pressi delle rapide ed a quel punto sarebbe scivolata assieme al compagno

Ci sarebbe un selfie troppo spericolato all'origine della tragedia che si è consumata ieri pomeriggio a Caramanico Terme, in località San Tommaso nei pressi delle rapide del fiume Orta. Proseguono le indagini merito alla morte di Silvia D'Ercole e Giuseppe Pirocchi, trentenni di Scerni di Chieti morti dopo essere finiti nelle acque del fiume dopo un volo di diversi metri.

A quanto pare, in base alla ricostruzione degli inquirenti Silvia si sarebbe sporta troppo nel tentativo di fare un selfie particolarmente suggestivo in quel panorama che richiama migliaia di turisti ed appassionati di natura ogni anno. A quel punto avrebbe perso l'equilibrio ed il compagno Giuseppe nel tentativo di afferrarla è finito assieme alla donna nel fiume. Lei infermiera lui dipendente di un'azienda, lasciano due figli di 5 e 8 anni. I soccorritori dei vigili del fuoco e del CNSAS hanno ritrovato i corpi a circa 900 metri dal luogo della tragedia, nel territorio di Salle. Smentita la notizia iniziale che indicava i due come componenti di una spedizione organizzata sul fiume Orta. La coppia era in gita autonomamente.

COPPIA MUORE NEL FIUME ORTA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia di Caramanico: Silvia e Giuseppe morti per un selfie?

IlPescara è in caricamento