Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Giovani escursionisti si perdono sul versante pescarese della Majella: salvati dal soccorso alpino

Due escursionisti toscani, una coppia di fidanzati di 28 e 32 anni, doveva raggiungere Roccacaramanico ma è finito in quota, a 1900 metri, nel territorio di Salle

Due escursionisti toscani, una coppia di fidanzati di 28 e 32 anni, sono s ieri dal personale del Cnsas abruzzese dopo aver perso l'orientamento sul versante pescarese della Majella. I due erano diretti a Roccacaramanico dopo essere partiti da Badia di Sulmona, ma hanno imboccato il sentiero sbagliato e sono arrivati in quota nel territorio di Salle, a 1.900 metri.

Spaventati anche per l'arrivo del buio, hanno allertato i soccorsi. Grazie alla loro posizione inviata dal cellulare sono stati recuperati dal personale del soccorso alpino verso le 23, dopo aver percorso un tratto in fuoristrada ed a piedi, essendo la zona particolarmente impervia.

Quando l’equipe del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo li ha trovati, i due escursionisti toscani erano infreddoliti, anche perché indossavo abiti leggeri, ed erano molto spaventati. Subito la coppia è stata soccorsa e accertato che stava bene, è stata accompagnata dal Soccorso Alpino all’alloggio di Roccacaramanico.

Il Cnsas consiglia sempre di avere una buona preparazione fisica prima di un'escursione, comunicando il luogo dell'escursione e l'orario di rientro, scegliendo abbigliamento ed attrezzature idonee oltre a tenere sempre il cellulare acceso portandosi dietro anche un kit di primo soccorso. Fondamentale anche controllare il meteo, studiare percorsi ed avere le cartine della zona, portando dietro alimenti e bevande a sufficienza. Affidarsi alle guide alpine ed accompagnatori se si è inesperti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovani escursionisti si perdono sul versante pescarese della Majella: salvati dal soccorso alpino

IlPescara è in caricamento