Coniugi morti nel fiume Orta, l'assicurazione del Parco della Majella offre 500 mila euro ai familiari

L'assicurazione dell'Ente Parco Majella ha offerto un risarcimento di 500 mila euro ai familiari in cambio della rinuncia alla costituzione di parte civile e di ulteriori azioni legali

Un'offerta da 500 mila euro è stata formalizzata dall'assicurazione dell'ente Parco Majella ai familiari dei coniugi di Scerni, Silvia D'Ercole e Giuseppe Pirocchi, morti il primo maggio 2017 dopo essere scivolati nelle rapide del fiume Orta, nel territorio di Caramanico Terme.

Il Parco ed il Comune di Caramanico si erano costituiti in giudizio come responsabili civili dopo la citazione degli avvocati di parte civile. Con l'accordo, i familiari dovranno rinunciare alla costituzione di parte civile ed a qualsiasi azione legale futura. Anche l'assicurazione del Comune di Caramanico a breve dovrebbe presentare un'offerta nell'ambito dei negoziati avviati con i legali dei parenti dei coniugi che furono trascinati dalla corrente davanti ai figli di 8 e 5 anni dopo essere scrivolati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TRAGEDIA A CARAMANICO, MUORE COPPIA NEL FIUME ORTA

Nel procedimento penale sono imputati per omicidio colposo l'ex sindaco di Caramanico Simone Angelucci e il direttore dell'ente parco Oremo Di Nino. Per la procura di Pescara, vi sarebbero gravi responsabilità degli amministratori per la mancata segnalazione dei pericoli lungo il percorso, e l'incidente dunque non sarebbe attribuibile ad una fatalità o imprudenza della coppia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uno scambio di sguardi e c'è il colpo di fulmine, l'appello di una ragazza pescarese alla ricerca del suo principe azzurro

  • Gechi in casa: cosa fare e perché segnalarli al Wwf Abruzzo

  • Bambina di 6 anni con il nervo ottico infiammato ha bisogno urgente di una risonanza, ma manca il saturimetro amagnetico

  • Tre nuovi casi di Covid a Silvi: fra loro un'insegnante di una scuola di Montesilvano

  • Buoni fruttiferi postali prescritti, donna di Pescara recupera 8 mila euro: la decisione dell'arbitro bancario finanziario

  • Acerbo aggiorna sulle sue condizioni di salute: "Le cose vanno molto meglio"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento