Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Rapinato l'addetto al ritiro dei soldi dalle slot machine, ora si punta sui complici

Per i due finiti in carcere gli interrogatori sono in programma lunedì 10 maggio alle ore 9,30. All'inizio della prossima settimana verranno stabilite le date delle audizioni anche per i due che sono sottoposti ai domiciliari

Dopo che gli agenti della squadra mobile di Pescara hanno individuato i quattro responsabili della rapina commessa in via Raiale ai danni di un addetto al ritiro dei soldi dalle slot machine, si punta ora sui complici delle persone arrestate due giorni fa su misura cautelare emessa dal gip Antonella Di Carlo. Gli inquirenti sono infatti convinti che dietro il colpo ci siano anche altre persone.

Lo scorso 6 novembre in due, con volto coperto e armati di pistola, avevano derubato il dipendente di una società che stava raccogliendo il denaro negli apparecchi slot-machine e cambiamonete gestiti dall'azienda. Dopo essere uscito da un bar, l'uomo era stato affrontato dalla coppia di malviventi e privato della macchina (una Fiat Panda Van aziendale) dove c'erano 25mila euro, per lo più in monete. In carcere sono finiti un 26enne e un 32enne, entrambi di Pescara, mentre sono stati posti ai domiciliari i due complici, un ventenne di Pescara e una 36enne di Francavilla al Mare.

Indagate a piede libero altre due persone. I quattro arrestati sono accusati del reato di rapina, mentre i due autori materiali devono rispondere anche del porto abusivo d'arma, e la donna di calunnia. La pistola utilizzata per la rapina, priva di caricatore e dunque non in grado di sparare, è stata sequestrata. Recuperati seimila euro dei 25mila complessivi. Per i due finiti in carcere gli interrogatori sono in programma lunedì 10 maggio alle ore 9,30. All'inizio della prossima settimana verranno stabilite le date delle audizioni anche per i due che sono sottoposti ai domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinato l'addetto al ritiro dei soldi dalle slot machine, ora si punta sui complici

IlPescara è in caricamento