rotate-mobile
Cronaca

Il cognato di Fausto: "Se aveva un malessere interno non traspariva in alcun modo"

Parla Francesco Angrilli, fratello di Marina: "Credo che la sua vita sia stata profondamente segnata dalla malattia e poi dalla morte della madre. Se poi lui aveva delle problematiche sue, nessuno di noi ha mai avuto dei segnali importanti"

"Credo che la vita di mio cognato sia stata profondamente segnata dalla malattia e poi dalla morte della madre. Era da tempo che la mamma di Fausto era ammalata di Alzheimer, e questa malattia si è fatta chiaramente sempre più progressiva: la morte è stato il punto terminale di un percorso di aggravamento della malattia. Dietro a questi 15 mesi ci vedo la sofferenza e anche l'impotenza perché lui era profondamente legato alla madre: non credo che un suo eventuale disagio dipendesse da una problematica relativa alla vita matrimoniale".

Così il dottor Francesco Angrilli, fratello di Marina Angrilli e cognato di Fausto Filippone, in merito alla tragedia che domenica ha portato alla cancellazione di un'intera famiglia di Pescara.

"Se poi mio cognato aveva delle problematiche sue - aggiunge - nessuno di noi ha mai avuto dei segnali importanti: lo vedevamo triste e un po' chiuso in se stesso per questo dispiacere della madre però che nella loro vita famigliare ci fossero screzi, liti e dissapori di rilievo non esiste proprio. Viviamo nella stessa palazzina, l'avremmo saputo. Credo che questo suo vissuto lui lo abbia ben mascherato".

Il cognato: "Se Fausto aveva un malessere interno non traspariva in alcun modo"

Continua il dottor Angrilli, ancora riferendosi a Fausto Filippone:

"Non è che negli ultimi mesi le sue abitudini di vita fossero cambiate: vita familiare, frequentazione comune con gli amici e poi il loro lavoro. Tutte le volte possibili andavano in vacanza insieme, quindi un nucleo familiare unito e legato. Fausto era una persona tranquilla, uno poteva essere in accordo o in disaccordo con il suo modo di pensare, ma a doverlo descrivere prima di quello che è successo domenica, io non me la sento di descriverlo come una persona violenta o a rischio di azioni violente. Se Fausto aveva un malessere interno non traspariva in alcun modo: sicuramente lui è vittima di se stesso, il nostro dolore però è che ha coinvolto in questa vicenda due persone assolutamente innocenti".

Infine il dottor Angrilli parla di sua sorella Marina, rimarcando:

"Lei è stata sempre vicina a Fausto e si faceva tutto insieme. Questa era una famiglia che si muoveva in base alla figlia, che era forse l'espressione dei desideri inespressi che tanti anni fa non erano realizzabili: tutte le attività che Ludovica faceva portano a ripensare alla infanzia di Marina che soffriva d'asma e quindi non poteva fare attività fisiche, quindi forse Marina in Ludovica vedeva il mezzo per recuperare delle cose che lei non aveva potuto vivere". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cognato di Fausto: "Se aveva un malessere interno non traspariva in alcun modo"

IlPescara è in caricamento