Città Sant'Angelo, bar trasformato in centrale dello spaccio: in manette il titolare

Grazie ad una serie di appostamenti effettuati dai militari in borghese si è potuto accertare il continuo movimento di assuntori di droga

Involucri di cocaina e marijuana rinvenuti all'interno di un bar di Città Sant'Angelo dove gli stupefacenti venivano smerciati dallo stesso titolare dell'esercizio. E' quanto emerso al termine di un'attenta attività investigativa dei carabinieri della compagnia di Montesilvano che da giorni avevano notato strani movimenti e la presenza di soggetti sospetti. L'irruzione dei militari in borghese compiuta ieri sera, 13 agosto, si è subito concentrata sul gestore del bar, D.C.L., 36 anni, trovato in possesso di cinque imballi termosaldati contenenti la famigerata polvere bianca, per un peso complessivo di 2,5 grammi, oltre ad un altro piccolo astuccio con ulteriori 5 grammi di coca.

La merce proibita era nascosta nelle tasche dei pantaloni, mentre altre confezioni sigillate di marijuana sono state rinvenute grazie ad un'accurata perquisizione nel locale, insieme a stecche di sigarette Marlboro di provenienza estera. Il titolare del bar è stato dunque arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed è attualmente sottoposto alla detenzione domiciliare, come disposto dal pm Andrea Di Giovanni. Il bar rischia la sospensione della licenza.

IMG-20190814-WA0033-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara in lutto, è morto Andrea "lo sai" [FOTO]

  • Terremoto, parla l'esperto: "Area ad alta pericolosità sismica"

  • Aeroporto d'Abruzzo, pronto il bando per i nuovi voli: ecco le destinazioni

  • Terremoto oggi in Abruzzo, scossa avvertita anche a Pescara

  • Uomo ritrovato senza vita dalle unità cinofile di Abruzzo K9 [FOTO]

  • Sabato 16 e domenica 17 novembre la festa è alle Porte

Torna su
IlPescara è in caricamento