rotate-mobile
Cronaca Penne

Chiusura punto nascite Penne, una lettrice: "Da Farindola ci vorrà un'ora per arrivare in ospedale"

Una nostra lettrice di Farindola ci scrive per contestare la decisione di chiudere il Punto Nascite dell'Ospedale di Penne, sottolineando come le donne in stato interessante dell'alta area vestina subiranno parecchi disagi

Una nostra lettrice, residente a Farindola, ci ha scritto per criticare duramente la scelta di chiudere il Punto Nascite di Penne.

"Gentile Redazione, sono una vostra lettrice di 30 anni residente a Farindola, in provincia di Pescara. Scrivo in quanto trovo inconcepibile chiudere il Punto Nascite di Penne, che ormai da decenni è un punto di riferimento fondamentale per tutte le neo mamme della zona. Io e mio marito presto vorremmo avere un figlio, ma a questo punto ci vengono molti dubbi su come dovremo gestire la gravidanza e ovviamente il momento del parto.

Se Penne dovesse chiudere, praticamente occorrerebbero almeno 45 minuti o addirittura un'ora per arrivare all'Ospedale di Pescara. Un tempo inaccettabile anche per un parto normale... ma se dovessero esserci complicazioni? Senza considerare i disagi legati ai mesi della gravidanza.. a Penne sarà ancora possibile fare le ecografie e visite di controllo? O dovremmo rivolgerci per forza ai privati? La sanità è una cosa seria, è la vita delle persone... non si può gestire come se fosse un'azienda che produce pezzi di ricambio..."

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura punto nascite Penne, una lettrice: "Da Farindola ci vorrà un'ora per arrivare in ospedale"

IlPescara è in caricamento