menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montesilvano: chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco Cordoma

Il Pm di Pescara Gennaro Varone ha chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco di Montesilvano Cordoma ed altre tre persone, in merito all'inchiesta sulle assunzioni pilotate dell'Azienda Speciale ex "Debora Ferrigno". L'accusa è di tentata concussione

E' stato chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco di Montesilvano Pasquale Cordoma ed altre tre persone, in merito all'inchiesta riguardante presunte assunzioni pilotate per l'Azienda Speciale ex "Debora Ferrigno".

La richiesta è stata inoltrata dal Pubblico Ministero del Tribunale di Pescara Gennaro Varone, che sarà valutata dai giudici competenti.

Le altre tre persone indagate per le quali è arrivata la richiesta sono Nicola Grimaldi, ex direttore dell'Azienda Speciale, Paola Sardella, presidente del Consiglio D'Amministrazione e dello psicologo Giuseppe Rasetti.

Per tutti, l'accusa è di tentata concussione in concorso, per delle presunte assunzioni pilotate riguardanti proprio l'Azienda Speciale.

Secondo l'accusa, Grimaldi avrebbe fatto pressioni su una psicologa dell'Azienda, assunta a tempo determinato, per cedere il posto ed accettare la ricollocazione con altre mansioni. Tutta l'operazione sarebbe avvenuta in accordo proprio con il sindaco di Montesilvano Cordoma, che avrebbe cercato di convincere la psicologa ad accettare la proposta.

Nei prossimi giorni ci saranno ulteriori sviluppi riguardanti l'indagine dopo che il GUP avrà deciso la data dell'udienza preliminare, che stabilirà se processare i quattro indagati.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento